• Italiano (IT)
  • English (UK)
Contattaci: +39.0266043166 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | Info Commerciali: 800.180.700
Contattaci: +39.0266043166 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | Info Commerciali: 800.180.700
blog_soteha_7
Aggiornati insieme a noi
Slider
App Marketing: errori da evitare

App Marketing: errori da evitare

Martedì, 29 Maggio 2018 00:00 Scritto da
Pubblicato in APP Mobile
I dispositivi mobili hanno cambiato il panorama del consumismo moderno nel giro di pochi anni, diventando il mezzo preferito per leggere notizie, guardare la tv, comunicare, socializzare, acquistare e non solo. Per le aziende sono quindi diventati uno strumento estremamente efficace per entrare in contatto velocemente e in modo diretto con il proprio target, in particolare grazie alle app.
Il più grande vantaggio di quest’ultime è dato proprio dalla possibilità di raggiungere i clienti in qualunque momento e in qualunque luogo si trovino, con la certezza che i messaggi non finiscano nella cartella spam e che non restino dimenticati nella inbox.
L' "app marketing" nasce esattamente per sfruttare questo principio, puntando tutto sulla comunicazione con i clienti. Offerte, aggiornamenti, funzionalità premium…tutto può essere comunicato in ogni momento della giornata.
I messaggi in-app possono diventare un ottimo strumento anche per conoscere i propri utenti, ma sono un’arma a doppio taglio.
Proprio perché l’app ha il vantaggio di essere un canale di comunicazione potenzialmente sempre aperto, è molto facile mandare il messaggio sbagliato alla persona sbagliata nel momento sbagliato.
Quando un’informazione è irrilevante, spesso viene percepita come fastidiosa e questo può portare l’utente a disabilitare le notifiche (ovvero i nostri messaggi) o addirittura a disinstallare l’applicazione.
Ecco allora cinque errori (con relativa soluzione) che possono sabotare l'esperienza utente e rendere inefficace la tua strategia di marketing in-app.

1. Trattare tutti gli utenti allo stesso modo

È molto più semplice inviare un solo messaggio piuttosto che inviarne dieci diversi.
Soprattutto quando devi organizzare quali messaggi devono raggiungere quali utenti o quali comportamenti dovrebbero essere considerati validi motivi per spostare gli utenti da un gruppo all'altro.
Ma la segmentazione non ha bisogno di essere eccessivamente complessa.
Dividi semplicemente gli utenti in base alle loro preferenze, al livello di interazione con la tua app e al loro acquisto della versione premium o meno (se esiste).
Non tutti i messaggi devono essere inviati a tutti gli utenti, perchè dall’altra parte dello schermo ci sono persone reali che vogliono percepire di essere ascoltare, come se la tua app li capisse.
In altre parole, vogliono essere il determinatore finale di ciò che la tua app offre.
Anche perché le persone interagiscono maggiormente con messaggi pertinenti.
Gli utenti che immaginiamo leggano tutti i contenuti del tuo blog sono molto diversi da quelli che lo ignorano. Allo stesso modo, un utente che visita quotidianamente la tua app ha una relazione diversa con la tua attività rispetto a una persona che la controlla solo una volta alla settimana. I tuoi messaggi in-app, parlando direttamente agli utenti, dovrebbe essere rispettosi di tali differenze.
È chiaro che questo obiettivo non è semplice da raggiungere in toto, ma segmentare gli utenti è il punto di partenza fondamentale.

2. Una cattiva tempistica

Poche cose incidono così tanto sull'esperienza utente come una notifica o un messaggio al momento sbagliato. Quando si tratta di messaggi in-app, la tempistica è fondamentale.
Gli aggiornamenti dovrebbero essere inviati solo quando utili e soprattutto senza renderli eccessivamente invasivi. In generale, più messaggi invii, meno attenzione riceverai sul singolo messaggio.
Le persone tendono a ignorare le notifiche quando ne invii molte, mentre invece è più probabile che ti ascoltino se ne invii di più rilevanti in quantità minore.
Nel caso della messaggistica in-app, less is more.
Per evitare di stressare i tuoi clienti con mari di notifiche, aggiornali solo quando necessario e quando utile (a loro).

3. Contenuti di poca qualità

Non c’è niente di peggio del marketing pigro.
Se hai deciso di sfruttare la tua app per fare del marketing, non puoi permetterti di produrre contenuti di bassa qualità.
Considera la pletora di messaggi in-app e notifiche che ricevi da marketer benintenzionati, ma pigri. Messaggi impersonali e noiosi, articoli inutili e scritti male…tutto questo altro non fa che peggiorare l’ engagement della tua attività e della tua applicazione.
I tuoi messaggi in-app dovrebbero essere invece ottimizzati esattamente come una landing page.
Cerca di essere creativo e punta a vendere il tuo prodotto, oltre che a coinvolgere i tuoi utenti.
Assicurati poi che ogni messaggio o contenuto che produci esprima qualcosa di significativo e utile per il tuo pubblico, altrimenti lascialo perdere.

4. Supporre che la tua prima scelta sia quella giusta

A volte, la tua prima scelta è sbagliata.
Quando si tratta di inviare messaggi in-app, si tende a sfruttare la propria esperienza.
Ma una volta che il messaggio è stato effettivamente inviato? È qui che realmente si misura la risposta degli utenti. Perché è il tuo utente, non tu, ad avere l’ultima parola su ciò che funziona e o meno.
Questo significa che è necessario determinare quello che ciascun gruppo di segmentazione preferisce.
Uno dei modi migliori per raccogliere tali dati è testare regolarmente i tuoi messaggi in-app. Il colore, la formulazione, la CTA, i tempi e il design… I test A/B sono un modo particolarmente efficace per scoprire perché gli utenti cliccano su alcuni messaggi e invece ne ignorano altri.
Pensala come una votazione. Quando qualcuno interagisce con i tuoi messaggi in-app, è come se stesse votando “sì”, mentre se li ignora devi considerarlo un “no”. A questo punto è semplice, calcola i voti e poi sfrutta ciò che funziona meglio.

5. Ignorare i dettagli

Come nella la maggior parte delle cose, la differenza la fanno sempre i dettagli.
Una copy chiara, una grafica appropriata, icone, spazi bianchi: tutte queste semplici variabili hanno il potenziale per aumentare o diminuire la percentuale di click e il tasso di coinvolgimento della tua app.
Se vuoi che gli utenti intraprendano determinate azioni, ma la loro risposta non arriva, prova a prestare più attenzione proprio ai dettagli che magari hai sempre ignorato.

In Soteha ci occupiamo anche di Content Marketing, contattaci per sviluppare una strategia su misura per il tuo business!

Francesco Manduca


Owner- Web Agency Division Manager, esperto di E-commerce e sviluppo piattaforme web

Indirizzi e contatti

Via Zucchi, 39/C 20095 - Cusano Milanino (MI)
Ingresso Via Zucchi 39 G - Int. 3
tel: (+39) 0266043166 - fax: (+39) 0266048942
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SOTEHA S.r.l. Socio Unico
Sede legale: Via Ticino, 6
20095 Cusano Milanino (MI)
CCIAA / R.E.A. Milano 1617965
Capitale sociale € 20.000,00
P.IVA 02967250966 C.F. 02095410649

Partner
Contact & Addresses

Via Zucchi, 39/C 20095 Cusano Milanino (MI)
tel: (+39) 0266043166 - fax: (+39) 0266048942
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SOTEHA S.r.l. Socio Unico
Sede legale: Via Ticino, 6
20095 Cusano Milanino (MI)
CCIAA / R.E.A. Milano 1617965
Capitale sociale € 20.000,00
P.IVA 02967250966 C.F. 02095410649

Varie
Informativa sulla privacy
Informativa sui cookie
Mappa del sito
Glossario
Partner
Indirizzi e contatti

Via Zucchi, 39/C 20095 - Cusano Milanino (MI)
Ingresso Via Zucchi 39 G - Int. 3
tel: (+39) 0266043166 - fax: (+39) 0266048942
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SOTEHA S.r.l. Socio Unico
Sede legale: Via Ticino, 6
20095 Cusano Milanino (MI)
CCIAA / R.E.A. Milano 1617965
Capitale sociale € 20.000,00
P.IVA 02967250966 C.F. 02095410649

Partner
ZUCCHI39 LOFT TECHNOLOGY