Stare al passo
Slider

Come creare una pagina di contatto efficace

Martedì, 14 Novembre 2017 16:10 Scritto da
Pubblicato in Blogging

Come saprai, la maggior parte dei blog ha una pagina di contatto. Ed è una delle prime pagine che si creano quando si costruisce un nuovo blog.

Quello che forse non sai ancora è che creare una pagina di contatto può diventare un fardello.

Nei primi giorni in cui il nuovo blog è online, una pagina di contatto può generare un piccolo numero di e-mail ogni week-end. Rispondere a esse non porta via chissà quanto tempo. Ma intanto che il blog cresce,le e-mail a cui rispondere possono crescere di numero e diventare difficili da gestire.

I più grandi problemi da fronteggiare sono:

  • Lettori che mandano domande a cui ci si sente obbligati a rispondere immediatamente.
  • Lettori che continuano a mandare le stesse domande, il che impone di scegliere tra il continuare a rispondere con la stessa risposta e il non rispondere proprio.
  • Non avendo gli strumenti per distinguere tra e-mail importanti e non importanti, si clicca su ogni e-mail per vedere di che si tratta, per poi doverle mettere in ordine dalla più alla meno urgente.
  • Clienti che chiedono di fare per loro cose che potrebbero benissimo fare da soli.

 

Stabilisci le aspettative

Non importa quanto sia grande o piccolo il tuo blog, il primo passo è rimuovere l’aspettativa che potrai rispondere immediatamente a tutte le richieste.

Può anche essere opportuno indicare nel blog che non sempre le risposte alle e-mail arriveranno puntuali, anche se ovviamente si cerca di fare il possibile. Un’altra idea è quella di far sapere a quali tipi di e-mail proprio non si ha intenzione di rispondere.

 

Classificare i contatti

Diverse e-mail hanno differenti priorità. La sfida è di differenziarle in base alla priorità, in modo da avere a che fare in primo luogo con quelle più importanti, soprattutto nei giorni impegnativi, quando non si ha tempo di stare a guardare tutte le richieste.

Una soluzione è aggiungere nella form una lista in cui i visitatori possono selezionare la ragione per cui stanno contattando l’autore del blog.

Un’altra opzione è quella di usare un campo “oggetto” in cui il visitatore può esplicitare il motivo del contatto. Anche se c’è da dire che con questa tattica si finisce per ottenere richieste di contatto con troppi oggetti generici (problema tecnico!) e quindi simili tra di loro, che non aiuterebbero nell’attività di smistamento.

Ok, questo potrebbe implicare il non rispondere a un’e-mail, ma il prossimo punto potrebbe aiutare a ovviare questo problema.

 

Rispondi alle domande prima che vengano poste

A un certo punto sarai fuori tempo nello smistare ogni email che ricevi. La soluzione ovvia è di ridurre il carico di e-mail che arrivano. Meno e-mail ricevi e meno e-mail rischi di ignorare.

La sfida è riuscire a rispondere a quante più domande possibile prima che una persona compili il form di contatto. I visitatori ottengono una risposta veloce, e tu risparmi tempo, non dovendo scrivere una risposta individuale. Ma per farlo devi prima prepararti a farlo.

Il primo passo è identificare le domande più frequenti.

Il secondo passo è rispondere a tali domande direttamente nella tua pagina di contatto. Aggiungendo la sezione FAQ, sarai capace di fornire risposte a tutti.

Se una domanda richiede una risposta più dettagliata, prenditi del tempo per scrivere un articolo di blog e poi inserire un link ad esso nella sezione FAQ.

Il passo finale consiste nell’aggiungere una nota nella tua pagina di contatto che consigli ai visitatori di cercare la funzione di ricerca del tuo sito. Potrebbero non immaginare che esiste già un articolo di blog che risponde alle loro domande (dovrai anche far sì che la casella di ricerca sia facile da trovare).

Outsourcing

Non importa quanto tu possa diventare abile nel gestire i contatti e-mail, arriverà il giorno in cui non vorrai più dovertene occupare personalmente. Potresti decidere che il tuo tempo è troppo prezioso per sprecarlo rispondendo a richieste base. O potresti semplicemente essere stanco di avere a che fare con così tante e-mail.

Nulla di grave. A questo punto probabilmente inizierai a guardare all’outsourcing, delegando l’attività a un membro dello staff o a un assistente virtuale. Questo outsourcing però diventa proficuo solo se già hai fatto ciò che ho suggerito in questo articolo.

 


 

 

Claudia Piccoli

Affascinata da tutto ciò che riguarda la comunicazione, abbino la passione per il marketing a quella per la scrittura.

Indirizzi e contatti

Via Zucchi, 39/C 20095 - Cusano Milanino (MI)
Ingresso Via Zucchi39 G - Int. 3
tel: (+39) 0266043166 - fax: (+39) 0266048942
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SOTEHA S.r.l. Socio Unico
Sede legale: Via Ticino, 6
20095 Cusano Milanino (MI)
CCIAA / R.E.A. Milano 1617965
Capitale sociale € 20.000,00
P.IVA 02967250966 C.F. 02095410649

Partner
Contact & Addresses

Via Zucchi, 39/C 20095 Cusano Milanino (MI)
tel: (+39) 0266043166 - fax: (+39) 0266048942
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SOTEHA S.r.l. Socio Unico
Sede legale: Via Ticino, 6
20095 Cusano Milanino (MI)
CCIAA / R.E.A. Milano 1617965
Capitale sociale € 20.000,00
P.IVA 02967250966 C.F. 02095410649

Varie
Informativa sulla privacy
Informativa sui cookie
Mappa del sito
Glossario
Partner