Contattaci: +39.0266043166 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | Info Commerciali: 800.180.700
Contattaci: +39.0266043166 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | Info Commerciali: 800.180.700
Aggiornati insieme a noi
Slider

Backup, Disaster Recovery e Business Continuity: quali sono le differenze?

Martedì, 10 Aprile 2018 07:10 Scritto da
Pubblicato in Security - Privacy

In Italia, solo nell’ultimo anno, il 46% delle aziende ha subito interruzioni dei propri sistemi informatici. Non solo guasti, ma anche sospensioni della corrente oppure eventi naturali, come alluvioni e incendi, possono mettere in crisi la produzione e portare perdite di dati e tempo (e quindi di denaro). 

Aggiungiamo poi i sempre più frequenti attacchi informatici ed ecco che dotarsi di un piano di business continuity diventa una necessità. Oppure serve un piano di disaster recovery? Se no, un semplice backup non basta?
Questi tre termini sono quelli più utilizzati quando si parla di soluzioni per la salvaguardia dei propri dati e sistemi. Sono tutti la stessa cosa? Nì.

Vediamo cosa significano nel dettaglio.

Backup

Con questo termine s’intende la semplice copia del dato, in genere su un altro dispositivo o sito. Il backup è ovviamente importante, ma se hai un’azienda non può bastare.
Diciamo che è il punto di partenza, il succo della questione, ma possiamo declinarlo in due modi diversi: il disaster recovery e la business continuity.
Inoltre il backup dei tuoi file non sarà sufficiente a ripristinare tutto sui computer della tua azienda. Per esempio: il tuo server ha un guasto e decide di lasciarti a piedi. Se hai solo un backup dei tuoi dati non riuscirai a ripartire semplicemente rispristinandoli. Dovrai sostituire il tuo server, reinstallare tutti i software, poi copiare i dati e configurare tutto il sistema da capo in base alle tue necessità. Ti serviranno almeno un paio di giorni, se tutto fila liscio. Ecco perché potresti preferire un piano di disaster recovery.

Disaster recovery

ll disaster recovery fa parte della più ampia accezione di business continuity (che vedremo tra poco).
Si tratta del processo per cui viene salvato tutto il tuo sistema informatico (quindi dati, software, configurazione, ecc.) in modo che sia disponibile nel caso appunto di un “disastro” in grado di compromettere la funzionalità tecnologica di dati e sistemi. Avremo quindi delle misure tecniche, logistiche e organizzative atte proprio a recuperare nel momento del bisogno il necessario per riprendere l’operatività, così da tornare al regolare svolgimento delle nostre attività.
Riprendiamo l’esempio di prima: il tuo server ti ha detto addio quindi non puoi proseguire con il tuo lavoro; ma hai un piano di disaster recovery, quindi dovrai solo aspettare di ripristinare il tutto e ci vorrà solo qualche ora. Tutto quello che ti serve è salvato su uno storage esterno collegato al motore di replica, che permette di conservare le repliche dei tuoi sistemi e dei tuoi dati.
Purtroppo c’è un “però”: i tuoi dati e sistemi verranno replicati ad una determinata ora, ogni giorno, ma se il “disastro” avviene dopo ti rimarrà quel backup precedente.
Mettiamo che tu abbia deciso di replicare i tuoi sistemi ad ogni mezzanotte. A quell’ora tutto si mette in moto ed inizia il processo di replica, che ipotizziamo duri quattro ore. Alle 4 del mattino avrai quindi tutti i dati e sistemi replicati. Se il “disastro” avviene alle 16.00 ad essere ripristinato sarà il backup delle 4 di mattina, con la conseguenza della perdita di 12 ore di lavoro. In gergo questo si chiama RPO: Recovery Point Objective, ovvero il tempo trascorso dall’ultima replica fino al momento in cui si è presentato il disastro.
A questo dovrai aggiungere anche un altro parametro però: l’RTO, Recovery Time Objective, cioè il tempo necessario al ripristino dei dati. L’RTO dipenderà dal tuo piano e dall’infrastruttura che lo mette in moto, può essere quindi più o meno rapido, ma metti in conto di perdere ancora qualche ora perché non sarà immediato.
Stai pensando che non hai tutto questo tempo perché la tua azienda subirebbe un danno economico troppo grande se restasse ferma per più di otto ore?
Allora potresti aver bisogno di una soluzione di business continuity.

Business continuity

Questa soluzione garantisce appunto la continuità al tuo business anche nel caso di problemi di grossa portata come quelli di cui parlavamo prima. Questo perché i dati e i sistemi non si trovano solo su server esterni, ma anche su un cloud che permette ai tuoi impiegati di continuare a lavorare anche nel caso uno dei server prendesse fuoco (caso limite, ma basta anche solo che la società che ti fornisce l’energia decida di staccarla). Una combinazione di tecnologie hardware e software che salva dati e sistemi in più posti contemporaneamente e in tempo reale. La business continuity serve a mantenere operativa la tua azienda a prescindere dall’evento interruttivo che si verifica, più o meno grave che sia: un sovraccarico di corrente, un temporaneo cambiamento di sede operativa, un guasto, un errore umano, ecc.
Insomma, qualsiasi cosa accada ti copre immediatamente le spalle, perché il tempo di rispristino (RTO) e quello trascorso dall’ultima replica (RPO) sono uguali a 0.

Quale scegliere?

Chiaramente i costi di ogni servizio sono diversi. La scelta varia a seconda soprattutto delle dimensioni e della complessità della tua organizzazione aziendale e anche in base a quanto valga il tuo tempo. Se perdere otto ore di lavoro ti provoca un grave danno economico, attivare un piano di business continuity (nonostante abbia un prezzo più alto) potrebbe essere più conveniente. Al contrario, se ti senti sicuro con un “semplice” disaster recovery è una soluzione che funziona bene lo stesso ed è più economica.
Tutto dipende dal tuo business, perché un piano di backup viene e può essere declinato in base all’esigenze del cliente e dell’attività.


Anche in Soteha progettiamo soluzioni di disaster recovery e business continuity su misura, per saperne di più clicca qui!

Silvio Menchise

Technical Division Manager - Nel campo dell'IT da più di vent'anni, appassionato di Digital Marketing e musica.
 

Indirizzi e contatti

Via Zucchi, 39/C 20095 - Cusano Milanino (MI)
Ingresso Via Zucchi 39 G - Int. 3
tel: (+39) 0266043166 - fax: (+39) 0266048942
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SOTEHA S.r.l. Socio Unico
Sede legale: Via Ticino, 6
20095 Cusano Milanino (MI)
CCIAA / R.E.A. Milano 1617965
Capitale sociale € 20.000,00
P.IVA 02967250966 C.F. 02095410649

Partner
Contact & Addresses

Via Zucchi, 39/C 20095 Cusano Milanino (MI)
tel: (+39) 0266043166 - fax: (+39) 0266048942
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SOTEHA S.r.l. Socio Unico
Sede legale: Via Ticino, 6
20095 Cusano Milanino (MI)
CCIAA / R.E.A. Milano 1617965
Capitale sociale € 20.000,00
P.IVA 02967250966 C.F. 02095410649

Varie
Informativa sulla privacy
Informativa sui cookie
Mappa del sito
Glossario
Partner